Allenamento in gravidanza? Si può!

I programmi fitness durante la gravidanza, apportano diversi benefici:
aiutano a mantenere una buona condizione psico-fisica, riducono l’insorgenza di mal di schiena e problemi circolatori, rinforzano la muscolatura in vista del parto, aiutano a minimizzare gli accumuli di grasso corporeo in eccesso.

Durante la gravidanza la donna subisce diversi tra cui:

·        AUMENTO DEL PESO dai 10 ai 30 Kg, le sedute di allenamento riducono la possibilità di andare incontro ad un  eccessivo aumento del peso;

·        AUMENTO DEL METABOLISMO (di circa il 15%) per via della variazione nella secrezione di alcuni ormoni, come la tiroxina, come gli ormoni corticosurrenalici e gli ormoni sessuali;

·        IPOGLICEMIA, si assiste infatti ad una maggior produzione dell’ormone insulina, l’esercizio fisico aiuta a tenere sotto controllo le secrezioni di tale ormone;

·        CAMBIAMENTI CARDIO-VASCOLARI , il volume ematico aumenta del 30% per via degli estrogeni, vi è maggior produzione di globuli rossi, la frequenza cardiaca aumenta del 10 – 15% e ciò causa maggiore stanchezza;

·        CAMBIAMENTI RESPIRATORI, aumenta la richiesta di O2 per via dell’aumento del peso e del metabolismo, il muscolo diaframma è limitato nella discesa;

·        CAMBIAMENTI SCHELETRICI, cambiando il centro di gravità si accentua la curva lombare e si allungano e indeboliscono i muscoli addominali.

L’allenamento con i pesi aiuta a sviluppare la resistenza per affrontare il parto; sono consigliabili le macchine isotoniche piuttosto che i pesi liberi poiché la donna in gravidanza aumenta la capacità articolare inseguito alla produzione dell’ormone relaxina (che causa lassità legamentosa).

Attenzione!
Non eseguire troppe ripetizioni o serie con carichi troppo pesanti per evitare rischiosi innalzamenti della temperatura corporea che potrebbero nuocere allo sviluppo del sistema nervoso del bimbo.